Salvare vite cambia davvero la vita

Riceviamo da Marco, pilota del 15° Stormo in servizio a Pratica di Mare, due messaggi inviati da una giovane coppia tratta in salvo dal naufragio della nave Norman Atlantic.


Sono passati esattamente sei anni da quel devastante incendio. Raramente, i soccorritori potrebbero avere la possibilità, o anche il tempo, di poter abbracciare le persone salvate, ma in alcuni casi si viene a creare un legame così forte che può essere descritto solo dal “potere della gratitudine”, che rimarrà per sempre.



Marco, SAR pilot of the 15th Wing on duty in Pratica di Mare (Rome), forwarded us two messages received from a young couple rescued from a ferry on fire: the “Norman Atlantic”.

It happened six years ago. Barely, rescuers could have the chance, or even the time, to be able to hug the saved people. But sometimes, a bond is created so strong, that it can uniquely be originated by the “power of gratitude”, which will remain forever…


 

Happy New Year

 

Italian Pilots Reveal How Lives Were Saved
in Mediterranean Ferry Rescue

 

 

INTERVISTE


Norman Atlantic: I salvataggi dal cielo. Il racconto.


A seguire, l’Intervista rilasciata dai Piloti Daniele Lelli (scomparso nel 2016), e Marco Mascari, per spiegare come il soccorso in situazioni di emergenza richieda  coordinamento, preparazione e addestramento, che svolti armonicamente possono diventare determinanti per la riuscita delle missioni.


Il personale del 15° Stormo in servizio a Gioia del Colle intervistato 


Infine, l’intervento del Comandante del Centro CSAR di Gioia del Colle intervistato a fine dicembre 2019 durante il 5° Anniversario della tragedia del Norman Atlantic.


 

TOP ARTICLE: Questo articolo ha raggiunto il giorno 31/12/2020

1.641

visualizzazioni,
dopo 24 ore in evidenza
in prima pagina.

 
Condividi l'articolo...

Una risposta a “Salvare vite cambia davvero la vita”

  1. Quelli che oggi operano, è il frutto di una generazione che ha operato in passato, che ha saputo tramandare esperienza l, passione e sacrifici, per una vita dedicata agli altri e così faranno i ragazzi di oggi con le generazioni future…Facendo il mestiere più bello al mondo ed arrivare dove “altri” non arrivano…E così quando torni a casa puoi dire…Io c’ero, io ho contribuito, a che ciò accadesse.
    Mammajut…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *