Quel pezzo di ferro nella nostra vita

– di Verner Rosati –

   L’HH-3F è stato per generazioni di Gente del 15° un compagno di viaggio, il membro anziano dell’equipaggio che ti rassicura e ti da la forza di andare avanti; quando è stato ritirato dal servizio, nel Settembre del 2014, profonde emozioni sono emerse in questa “Gente”, Verner Rosati cosi’ ha salutato il Pellicano

In tanti stanno scrivendo il perché un oggetto di metallo susciti così tante emozioni e ricordi. Se leggete bene tra le righe di giovani aviatori o consolidati ed esperti equipaggi, potrete scorgere che non vi è paganesimo e non si vuol essere profani. Provate semplicemente ad immaginare un boato, poi il nulla, il buio, il freddo, la paura, il silenzio….e quando vorreste abbandonarvi sentire quello strano “flap flap”, poi vedere 4 piccole lucine. Iniziare a sentire una brezza, il rumore sempre più intenso, le luci sempre più forti, il vento ora quasi fastidioso. Poi magicamente al vostro fianco veder comparire una persona venuta dall’alto. Un angelo? Vi rassicura, è dolce ma deciso, vuole che lo seguiate,…ma avete un bimbo piccolo tra le braccia!!!…Lui non si scompone, fa un sorriso, ve lo prende con fare dolce e sicuro e vi dice “torno subito”. Voi mollate perché siete allo stremo delle forze fisiche e psichiche. Sparisce in quel mistico rumore luce vento e in men che non si dica è di nuovo lì al vostro fianco, vi abbraccia, fa segno di ok con il grande pollicione e vi sentite strappare dalla terra e ascendere al cielo. Sarà questa la morte?

No, per voi quel giorno è una nuova vita. Che strano posto. Pieno di fili, materiali sparsi, barelle, luci soffuse e gente che indossa strani binocoli verdi e in silenzio gesticola. Vi girate e c’è vostro figlio, in braccio ad un signore vestito da militare, che sembra quasi non sentire il forte sibilo e la puzza di carburante. Si sta addormentando avvolto nelle calde coperte. Ve lo rimette in braccio e intanto sentite un leggero tonfo e percepite un dondolamento. Vi chiedono di seguirli; un po’ di persone scendono e si allontanano tenendo bassa la testa. Ora vedete chiaramente delle luci, delle case, gente che vi corre intorno e vi abbraccia. Vi girate e quel rumore luce vento si alza in volo e se ne va, così com’era arrivato. Il rumore luce vento diminuisce. Da quel giorno non scorderete più il caratteristico “flap flap”.

Questo era la presenza e la sicurezza di quel pezzo di ferro nella nostra vita…e spero che se esiste un paradiso degli elicotteri… la tua anima sia là caro HH-3F.

Come nella foto… sempre sopra di noi a proteggerci con la tua ombra inconfondibile. Insieme ai nostri Angeli.

Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *