Cronistoria del 15° Stormo e della sua Gente

La storia del 15° Stormo, così come lo identifichiamo oggi nella “numerazione” sua e dei suoi reparti operativi (Gruppi e Squadriglie), richiede di essere rievocata attraverso la storia dei reparti da questi stessi numeri contraddistinti – reparti formati a seguito della nascita dell’Aeronautica Militare come Forza Armata – taluni disciolti al termine del secondo conflitto mondiale, altri sopravvissuti o ricostituiti successivamente.

Il 15° di oggi rappresenta la sintesi della continuità operativa di reparti che originariamente nacquero per operare in diverse specialità; sciolto come unità organica l’8 settembre 1943 e ricostituito il 1 ottobre 1965, il 15° Stormo è oggi la fusione storica di:

• 15° Stormo, nato da Bombardamento e successivamente divenuto da Combattimento e poi da Assalto, con Squadriglie e Gruppi diversi dagli odierni, sciolto l’8 Settembre 1943 e ricostituito nel 1965 come reparto del Soccorso Aereo;

• Gruppi e Squadriglie della Ricognizione Marittima Lontana, eredi delle primigenie Squadriglie aeree dell’Aviazione della Marina nate durante il 1° conflitto mondiale ed operanti fino alla conclusione del secondo conflitto mondiale, tramandate negli attuali Centri e Gruppo e Squadriglie del 15°;

• Gruppi e Squadriglie del Soccorso Aereo e del Trasporto Aereo, reparti operanti in queste specialità durante la II G.M. e reparti R.M.L. in doppio ruolo o riconfigurati in reparti del Soccorso alla conclusione del conflitto.

L’albero genealogico del 15° e della sua Gente si sostiene quindi su radici antiche, che affondano profondamente nella storia aeronautica d’Italia ed in quella dell’Aeronautica Militare; eccone allora un cronistoria che ripercorre i momenti salienti delle unità operative costituenti oggi l’organico dello Stormo:

• 28 marzo 1923: con Regio Decreto n. 645 le “forze aeree militari del Regno e delle Colonie” costituiscono la Regia Aeronautica, Forza Armata autonoma e le forze aeree dell’Esercito e della Marina confluiscono nel “Comando Generale d’Aeronautica”; le prime radici del 15° Stormo si possono identificare nei 4 Gruppi Idrovolanti (I, II, III, IV) del neo costituito Comando Idrovolanti, che a breve assumeranno nuove numerazioni;

• 28 aprile 1924: il Comando Idrovolanti si trasforma in 25° Stormo Idro, con alle dipendenze i 4 Gruppi Idro rinominati con i numeri 79°, 81°, 82° ed 84°; delle Squadriglie costituite nei Gruppi, oggi sopravvivono la 141ª Squadriglia, costituita originariamente nel 79° Gruppo ed oggi parte dell’83° Gruppo e la 142ª, costituita originariamente nell’82° Gruppo ed oggi parte dell’85° Centro;
• 5 novembre 1925: si costituiscono nuovi comandi di reparto, tra i quali l’83° Gruppo Idrovolanti;

• 1° giugno 1931: si costituisce il 15° Stormo Bombardamento Diurno, organizzato su: 46° Gruppo (20ª e 21ª Sq.) e 47° Gruppo (53ª e 54ª Sq.);

• 1 febbraio 1933: nasce l’85° Gruppo Ricognizione Marittima; nel periodo 1934 – 1937 i Gruppi e le Squadriglie Idro si riconfigurano in Gruppi Ricognizione Marittima;

• 1 gennaio 1937 – 16 marzo 1939: al Comando del 15° Stormo è il Col. Pil. Stefano Cagna, Atlantico e già Aiutante di volo del Maresciallo dell’Aria Italo Balbo; nato ad Ormea in Piemonte il giorno di Natale del 1901, da Generale di Brigata più giovane d’Italia muore eroicamente il 1 agosto 1940 in azione di guerra alla testa degli Stormi della X Brigata Aerea Bombardamento Terrestre “Marte” da lui comandata, alla sua memoria verrà tributata la Medaglia d’Oro al Valor Militare ed il suo nome verrà successivamente tramandato dal 15° Stormo;

• 1 marzo 1939: è costituita la 147ª Squadriglia;

• giugno 1940 – marzo 1941: si costituiscono, nei Gruppi R.M.L., le rimanenti Squadriglie attualmente esistenti nei Centri e Gruppo del 15° St.: 139ª, 140ª, 149ª, 287ª, 288ª;

• 5 settembre 1940: il 15° riconfigurato in 15° Stormo Bombardamento Terrestre (nel 1937 gli Stormi da Bombardamento perdono la qualifica “diurno” o “notturno”, mantenendo quella di “terrestre” o “marittimo”) entra nell’organico della IX Brigata Aerea “Leone”, rimanendovi fino allo scioglimento di questa Grande Unità, il 10 maggio 1942 e partecipando attivamente alle operazioni in Africa Settentrionale; l’8 maggio 1942 e per un breve periodo mentre si converte sui velivoli CR 42 diventa 15° Stormo da Combattimento;

• dal 10 giugno 1940, con l’inizio delle operazioni belliche per l’Italia, è organizzato il soccorso aereo; sono costituite le Squadriglie e le Sezioni “S” (612ª, 613ª, 614ª, sez. “Lero” e “Torre del Lago”), sono costituite anche alcune Squadriglie autonome da Trasporto, fra le quali la 615ᵃ;

• 6 settembre 1940: è costituito il Corpo Aereo Italiano per condurre operazioni nella Manica, ne fa parte la XV Brigata Aerea, che sarà successivamente sciolta nel marzo del 1941;

• 1 settembre 1942: lo Stormo assume una nuova specialità e diventa 15° Stormo Assalto, è schierato in Africa Settentrionale e partecipa alle battaglie di El Alamein; mantiene questa specialità sino al suo scioglimento avvenuto l’8 settembre 1943;

• 15 maggio 1944 – 8 maggio 1945: tutti i reparti idro (R.M.L. e Soccorso) ancora operanti vengono riorganizzati nel Raggruppamento Idro, costituito dai Gruppi: 82°, 83°, 84°, 85°; il raggruppamento viene sciolto il 31 luglio 1948;
• 14 aprile 1947: viene itituito il Servizio del Soccorso Aereo Italiano (circ. SMA 204394/OD2 del 14.10.1947);

• 1 agosto 1948: è costituito il “Comando Soccorso Aereo”, organizzato in Centri Soccorso (Brindisi-83° Gr., Vigna di Valle-84° Gr., Elmas-85° Gr., Milano) e Sottocentri Soccorso (La Spezia- 139ª Sq., Augusta- 149ª Sq.); questo Comando viene soppresso il 1 ottobre 1961;

• 1 ottobre 1965: viene ricostituito a Ciampino il 15° Stormo S.A.R. inizialmente composto da: 84° Gruppo velivoli ed 85° Gruppo elicotteri, sotto la stessa data il 15° entra alle dipendenze del neo-costituito “Comando Trasporti e Soccorso Aereo”, l’83° verrà ricostituito il 30 ottobre 1980, mentre l’82° lo sarà il 1 marzo 1981;

• 27 marzo 1969: l’organizzazione nazionale del Soccorso Aereo si arricchisce del Centro Sopravvivenza ed Aerosoccorso di Furbara, fucina ed opificio della componente umana “specializzata” indispensabile al 15°, gli Aerosoccorritori; nel 2003 il Reparto confluisce nel neo-costituito Reparto Incursori, poi 17° Stormo Incursori;

• 1° marzo 1971: il 15° Stormo riceve il nome di battesimo di “Stefano Cagna”;

• 15 ottobre 1984: viene riattivato uno dei due Gruppi originali del 15°, il 46° che, con la denominazione di “46° Centro Protezione Civile” assicurerà la lotta antincendi boschivi fino alla sua chiusura avvenuta nel 1988;

• 3 gennaio 1993: inizia per il 15° Stormo l’operazione “Albatross” in Somalia, per sostenere la quale è costituito a Mogadiscio il “Reparto Autonomo Volo 15° Stormo”; le operazioni si protraggono sino al 5 luglio 1993;

• 13 giugno 1995: nasce a Ciampino, con l’approvazione del Ministro della Difesa, l’Associazione “Gente del 15°” per rinsaldare e mantenere vivi lo spirito e le tradizioni dello Stormo e stabilire e rinsaldare vincoli d’amicizia e di solidarietà tra coloro che sono appartenuti ed appartengono al Reparto;

• 4 novembre 1997: rivive la 9ª Brigata Aerea “Leone”, ricostituita sull’aeroporto di Pratica di Mare con alle dipendenze due sue “vecchie conoscenze”: il 14° ed il 15° Stormo; la Brigata è nuovamente chiusa il 28 marzo 2006;

• 2 ottobre 1997: il Comando di Stormo con le sue unità è trasferito da Ciampino a Pratica di Mare;

• 29 marzo 2003: inizia per il 15° l’operazione “Antica Babilonia” in Iraq;
il successivo 12 luglio viene costituito il 6° Reparto Operativo Autonomo a Tallil, che il 13 febbraio 2004 verrà riorganizzato in “6° ROA-15° Stormo di Tallil – Iraq” e successivamente, il 23 febbraio 2006 in “Reparto distaccato del 15° Stormo”; questa articolazione è organizzata su uno dei Gruppi originali del 15° Stormo, il 47° il quale a sua volta ha la componente di volo dell’A.M. basata sulla 612ª Squadriglia; la presenza del 15° in Iraq si protrae sino alla fine del 2006;

• 28 settembre 2010: l’83° Centro SAR di Rimini è soppresso, le sue funzioni sono transitate all’ 83° Gruppo CSAR, quale articolazione del riorganizzato 15° Stormo di Cervia;
è costituito l’85° Centro CSAR di Pratica di Mare, quale riorganizzazione dell’85° Gruppo SAR;

• 5 ottobre 2010: il 15° Stormo è trasferito da Pratica di Mare a Cervia ed assume il comando dell’aeroporto; con il Comando di Stormo si trasferiscono: l’81° Centro Add. Equipaggi, l’Ufficio Operazioni, l’Ufficio Efficienza Linea e la 615ᵃ Sq. Collegamenti;

• 8 marzo 2012: inizia la consegna degli elicotteri l'AgustaWestland AW139 in configurazione SAR, denominati HH-139A;

• 10 settembre 2012: l’84° Centro CSAR di Brindisi è rilocato sul sedime di Gioia del Colle;

• 1° novembre 2013: la 670ᵃ Squadriglia Collegamenti e Soccorso del Reparto Sperimentale e di Standardizzazione Tiro Aereo (RSSTA) di Decimomannu è riorganizzata in 86° Centro CSAR alla dipendenza del 15° Stormo (doc. di SMA del 9.10.2013); con successivo provvedimento (doc. SMA del 22.10.2013), a correzione al precedente, la 670ᵃ Squadriglia Collegamenti e Soccorso viene riorganizzata in 80° Centro CSAR;

• 22 settembre 2014: lo Stormo entra a far parte della 1ᵃ Brigata Aerea "Operazioni Speciali" che in concomitanza si insedia sull'aeroporto di Cervia;

• 26 settembre 2014: nel corso di una cerimonia solenne tenutasi a Pratica di Mare  l'elicottero HH-3F è stato definitivamente ritirato dal servizio attivo di tutti i reparti del 15º Stormo;

• 9 luglio 2015: viene ufficialmente consegnato il primo HH-101 (Caesar 3);

• 1° marzo 2016: la 387ᵃ Squadriglia del 21º Gruppo Volo del 9° Stormo passa alle dipendenze del 15° Stormo;

• 1° luglio 2016: la 672ᵃ Squadriglia Collegamenti, basata sul Poligono Sperimentale e di addestramento Interforze (PISQ) di Salto di Quirra passa alle dipendenze del 15° Stormo;

• 30 ottobre 2018: viene ricostituito a Cervia il 23° Gruppo con dipendenza dal 15° Stormo e con compiti di Personnel Recovery; contemporaneamente la 387ᵃ è ricollocata in posizione quadro presso il 21° Gruppo Volo del 9° Stormo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *