Ennesimo incendio in Sicilia – Interviene l’82° Centro CSAR

Lunedì 17 agosto, un equipaggio di allarme dell’82° Centro C.S.A.R. del 15° Stormo, è stato chiamato in causa per estinguere un imponente incendio sviluppatosi nella zona di Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani.


HH139A con la sua benna

L’elicottero HH-139A è stato chiamato ad operare nel tardo pomeriggio presso Baglio Foderà (TP), con lo sgancio di 12 mila litri di acqua suddivisi in 16 lanci, per un totale di 2 ore e mezza di volo!

Il primo decollo del vettore è avvenuto alle 17:30, mentre l’atterraggio è avvenuto alle 20:00, poco prima del tramonto.

L’ordine di decollo è giunto dal C.O.A. (Comando Operazioni Aeree) di Poggio Renatico (FE).
Il coordinamento è stato effettuato dalla Sala Operativa Unificata Permanente (S.O.U.P.) della Regione Sicilia.

 

NOTA

L’HH-139A fa parte degli assetti delle Forze Armate che il Ministero della Difesa ha messo a disposizione per la campagna antincendi boschivi di quest’anno in Sicilia, iniziata lo scorso 15 giugno, che consolida la collaborazione, in atto già da diversi anni, tra Forze Armate, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e Protezione Civile (PROCIV) per rendere più efficace ed incisiva la lotta agli incendi boschivi. L’impegno delle Forze Armate rientra nell’accordo stipulato tra Ministero della Difesa e Dipartimento della Protezione Civile nell’ambito della campagna antincendi boschivi, che prevede la costituzione del Centro Operativo Aereo Unificato (COAU), come ente coordinatore degli interventi in caso di emergenza.

L’82° Centro è uno dei Reparti del 15° Stormo dell’Aeronautica Militare che garantisce, 24 ore su 24, 365 giorni l’anno, senza soluzione di continuità, la ricerca ed il soccorso degli equipaggi di volo in difficoltà, concorrendo, inoltre, ad attività di pubblica utilità quali la ricerca di dispersi in mare o in montagna, il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati in pericolo di vita ed il soccorso di traumatizzati gravi, operando anche in condizioni meteorologiche estreme. Dalla sua costituzione ad oggi, gli equipaggi del 15° Stormo hanno salvato più di 7300 persone in pericolo di vita.

 

Curiosità

Non è la prima volta che accade un incendio del genere nella zona di Castellammare del Golfo. Negli ultimi due anni sono avvenuti incidenti simili l’8 agosto 2019 e il 18 luglio 2018.
Questa, infatti, è una zona “calda”, nella quale è stato necessario istituire una torretta permanente di osservazione antincendio.

Torretta antincendio – Inici

Quarantuno anni fa, quattro forestali: Fortunato Catalano, Andrea Zichichi, Salvatore Guitta e Mario Poma del servizio antincendio boschivo originari di Valderice e Buseto Palizzolo, morirono bruciati vivi nel tentativo di spegnere un imponente rogo.


Una stele è lì, a ricordo del loro sacrificio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *