Un HH-139 dell’85° Centro CSAR di Pratica di Mare trasporta in Sardegna una squadra del Soccorso Alpino e Speleologico

di Marco Mascari

Ci sono storie di gente del Soccorso che a volte si incrociano. Missioni che arrivano improvvise e ti strappano dal relax di una domenica spensierata portandoti ad una notte di trasporti d’urgenza per salvare quella vita in più.

La squadra trasportata ieri nell’entroterra sarda è impegnata da questa notte nel tentare di aprire una strada per raggiungere e salvare lo speleologo rimasto vittima di un incidente ed attualmente incastrato nella grotta S’Edera nel territorio di Urzulei.

 

Per ora le condizioni sono stabili.

L’aspetto magico del nostro lavoro è che nel cuore ti rimane la speranza di aver contribuito a salvare una vita… e nella mente grazie all’ausilio dei visori notturni rimane invece il fascino di quei paesaggi Sardi illuminati ieri da una Luna particolarmente intensa…

Il nostro lavoro è un po’ così… dramma ed emozioni positive che si accostano quasi in contrasto. Ma se non amassimo il nostro lavoro, non affronteremmo certo alcune situazioni.

Mammajut

Condividi l'articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.