Arrivato a Cervia il nuovo HH-139B

Alle 14:15 di ieri, lunedì 30 novembre, è atterrato a Pisignano di Cervia il primo elicottero HH139B, consegnato il 27 novembre, presso gli stabilimenti della Leonardo sita a Vergiate in provincia di Varese.

L’arrivo del Team all’Aeroporto di Pisignano di Cervia

Questo nuovo modello è destinato ad aggiungersi e a rinnovare la flotta degli elicotteri presenti su tutti i Centri e i Gruppi SAR del 15° Stormo, opportunamente dislocati sullo “stivale”.

L’80° Centro C\SAR di Decimomannu, l’82° Centro C\SAR di Trapani, l’84° Centro C\SAR di Gioia del Colle e l’85° Centro C\SAR di Pratica di Mare, attendono ansiosi l’arrivo dei 17 esemplari della nuova versione “B”, unitamente ai Gruppi e Centri che operano e concorrono alle attività operative e di addestramento sotto il Comando di Cervia.
L’operazione di distribuzione di tutti gli elicotteri verrà completata verosimilmente entro il primo semestre del 2022.

Rispetto alla precedente versione, vediamo le innovazioni dell’HH139B:

Aumento del peso massimo al decollo
Ci sarà una maggiore capacità di carico
(da 6800kg a 7000kg);

Clicca per ingrandire l’immagine del doppio verricello

Doppio verricello in parallelo
Aumentata la sicurezza durante le operazioni di recupero ed elevata l’affidabilità del nuovo sistema;

Migliore gestione degli apparati
Gli Operatori di Bordo potranno gestire una innovativa “Mission Consolle” al fine di ottimizzare l’utilizzo degli apparati di bordo per la ricerca di eventuali dispersi;

Avionica e sensori di bordo di ultima generazione

Implementazione di due nuovi Sistemi:

AIS


L’Automatic Identification System (AIS) è un trasponder di bordo che permette di interfacciare il mezzo aereo con mezzi navali;

OPLS

L’Obstacle Proximity LIDAR System (OPLS) è un sistema avanzato di rilevazione laser della distanza dell’elicottero con gli ostacoli orografici sul piano orizzontale;

In sintesi, la nuova versione dell’elicottero della Leonardo HH-139B presenta alcuni accorgimenti tecnici che permettono di migliorare sia la capacità operativa che la flessibilità d’impiego, per rispondere alle mutate esigenze di sicurezza delle emergenze.

Mammajut Quindicesimo!

Condividi l'articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.