Per il ricordo di Francesco Asti

Il Cap. Pil. Francesco Asti, Capo Equipaggio di un HH-3F impiegato in soccorso notturno in favore di un marinaio in imminente pericolo di vita a bordo di un sommergibile francese in navigazione nel Tirreno, perdeva la vita il 18 agosto 1984, a seguito di incidente occorso in tale frangente al suo elicottero.

Insignito di Medaglia d’Argento al Valore Aeronautico e di Médaille de l’Aéronautique tributata dal Ministero Difesa Francese alla memoria,  Franco Asti ha lasciato un segno indelebile nei nostri cuori.

Mi piace ricordarlo con una testimonianza che ritengo particolarmente significativa: è la lettera indirizzata dall’aviere Roberto Di Tella ai piloti dell’85° Gruppo, appresa la notizia dell’incidente e della scomparsa del Cap. Asti.

“Avevo pensato di mandarvi un telegramma , ma lo spazio era un pò poco per le cose che volevo dirvi. Ho un bellissimo ricordo del periodo che ho passato con voi durante il mio servizio militare perchè mi avete fatto capire una cosa  che prima  di allora non credevo fosse possibile: siete uomini, prima che militari. Ed è per questo motivo che quando ho letto la notizia della scomparsa del povero cap. Asti, ho sentito un brivido passare attraverso il mio corpo ed in un momento ho ripensato alla sua figura di uomo impeccabile, così gioviale, così serio, così professionista, con la sua giovinezza, con la sua timidezza, con i suoi 32 anni che sono troppo pochi per andarsene via. Cristo! Asti è morto per scappare a salvare  la vita di un uomo che neppure conosceva e dire che è stato un eroe è il minimo che gli si possa riconoscere. Me lo ricordo bene Asti, e mi ricordo bene tutti quanti voi, e vi ammiro anche se quando ero aviere non ve l’ho mai detto. Ho scritto a voi perchè sono sicuro che in questo momento il cap. Asti è nei vostri cuori, e forse anche a lui farebbe piacere sapere che chi lo ha conosciuto anche solo superficialmente come me, lo ricorda con grande ammirazione. Roberto Di Tella ” (per leggere la lettera originale in pdf).

Hanno scritto :

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *