UN VOLO SALVAVITA…

…il giorno di S. Valentino.

Recupero di un uomo infortunato a Todi, in provincia di Perugia

INTERVENTO DELL’85° CENTRO C.S.A.R.

Nella tarda serata di ieri, 19 gennaio 2022, un equipaggio dell’85° Centro C.S.A.R. di Pratica di Mare è decollato con un elicottero HH139A per il recupero di un uomo infortunato, D.N. boscaiolo di 50 anni, infortunatosi gravemente a seguito della caduta di un albero nella zona boschiva di Todi (PG).

In una prima fase l’intervento è stato condotto dal Soccorso Alpino e Speleologico Umbria (SASU) in una zona molto impervia, all’interno di una forra in località Casemasce di Todi. Sul posto sono state impegnate ben quattro squadre composte da tecnici e operatori.

Successivamente, il Centro di Coordinamento Soccorso Aereo del Comando Operazioni Aerospaziali di Poggio Renatico, ha chiamato in causa l’Aeronautica Militare includendo nel team un operatore del C.N.S.A.S. Umbria.

L’operazione di recupero è stata condotta con l’ausilio dei visori notturni, denominati N.V.G. (Night Vision Goggles), strumenti altamente sofisticati e determinanti negli interventi in assenza di luce naturale.

Nella foto, la persona recuperata è stata finalmente trasportata in sicurezza all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia.

Da sottolineare l’elevata difficoltà dell’operazione, portata a termine con la collaborazione dei Carabinieri e, in particolare, grazie a cooperazione e addestramento tra il Soccorso Alpino Speleologico e l’Aeronautica Militare.

Mammajut

 

FONTE FACEBOOK AERONAUTICA MILITARE

 

2021 – Addio

VEDI IL VIDEO

senza parole…

Iniziativa benefica del 15° Stormo

notizie da
CERVIA

In data 05 gennaio 2022, una rappresentanza del 15° Stormo si è recata presso l’ Ospedale “M. BUFALINI” di Cesena, per effettuare una donazione al Reparto di Pediatria e Terapia Intensiva.

La somma devoluta, del valore di 1.500 euro, derivanti dalla Lotteria di Natale, contribuirà ad alimentare la raccolta fondi avviata dal Reparto ospedaliero, per acquistare un nuovo ecografo  che consenta di diagnosticare soprattutto patologie cardiache congenite o acquisite, malformazioni renali e cerebrali. 

Mammajut !

 

 

Serie speciale — Le Crociere

 

La serie speciale da collezione “Le Crociere” nasce, sotto l’egida dell’Aeronautica Militare, dall’accordo siglato tra Tiscali e Marcella Mencherini, autrice delle cinque opere di aeropittura rappresentate. Questa serie speciale, oltre a costituire un ambito oggetto da collezione, rappresenta una scelta ben precisa nella filosofia dell’azienda poiché alcune singolari coincidenze, seppure con le doverose distinzioni, rendono le imprese dei trasvolatori per certi versi accostabili all’impresa compiuta da Tiscali nel corso degli ultimi anni.

Infatti, nel febbraio del 1927, parte da Cagliari la doppia trasvolata dell’Atlantico compiuta dal Col. De Pinedo a bordo di un S 55 che, dopo aver percorso 44.000 chilometri, nel mese di giugno fa rientro al Lido di Roma. Settanta anni dopo l’impresa di De Pinedo, parte da Cagliari anche l’avventura di Tiscali per la realizzazione di un progetto di comunicazione globale e quindi di incontro tra i popoli.

Insieme alla presentazione delle cinque Schede Telefoniche Tiscali che costituiscono la serie speciale “Le Crociere” riportiamo alcuni brevi passaggi relativi a queste opere, tratti dal Catalogo dell’autrice “Aeropittura”.

“Spronata dalla committenza del 31° Stormo dell’Aeronautica Militare, che ha raccolto l’eredità dei Trasvolatori Atlantici, la Mencherini ha fatto il suo salto nel mondo della neo-aeropittura consacrandovisi con maturità, genialità e consumato mestiere. I suoi non sono stentorei voli di Icaro 0 stereotipati “quadri cartolina”, ma la sua elevata concettualità di ormai matura aeropittrice è stata fissata da queste opere sulle Crociere Balbiane, da lei realizzate non cronologicamente secondo la storica sequenza, ma seguendo solo la sua ispirazione creativa.”

Tutte le opere utilizzate sono state create con la tecnica dell’olio su tela, nel breve lasso di tempo che va dal luglio del 2000 al gennaio del 2001.

“Nel rappresentare la Crociera delle due Americhe, sembra che Marcella Mencherini abbia rappresentato la bocca di un vulcano in piena eruzione. Solo l’S 55 supera il rogo ai piedi delle Montagne Rocciose ghermendo l’ultima ciocca di capelli della dea fortuna. La vittoria verrà celebrata e scorreranno le visioni del Pan di Zucchero, Roma e New York con la Statua della Libertà e la sua torcia sempre accesa.

Alla visione della laguna orbelletana  fa da sfondo Monte Argentario sfumato in scansioni cromatiche che vanno dall’azzurro al tenue terra di Siena. La roccaforte degli iberici “Presidi” in terra etrusca è il trampolino di lancio della Crociera del Mediterraneo Occidentale.

Dagli scivoli dell’idroscalo vorticose scie termiche fanno galleggiare in alto lo stormo degli S.59 bis che vanno a raccogliersi in formazione per il balzo verso  le Baleari.

Il sole d’oriente, che guida lo stormo degli S 55 che prospetticamente si annullano nella luce verso il nero mare di Odessa, è il punto focalizzante del quadro sulla Crociera del Mediterraneo Orientale. Il Bosforo si arrossa delle luci di un’alba, mentre le brume che salgono dalla baia avvolgono il TopKapi che domina il Corno d’Oro, traghettato sull’altra sponda dall’arcato Galata Bridge ormai surclassato dal rombante aeroponte.

Nella baia di Rio le scie lineari, prospetticamente nascenti dal vinto oceano, sono sovrastate da scie curvilinee che ci ricordano un aereo argonauta, il meraviglioso mitile solcatore di oceani. Il baricentro dell‘opera è la baia di Botafogo che fu il trionfale target della Prima Crociera Atlantica, sporgenze e rientranze avvolgono lo spazio assumendo andamenti e cromatismi diversi.

Nella Seconda Crociera Atlantica la linea di forza del quadro è la penisola di Manhattan che l’attraversa in orizzontale. Qui il punto di fuga prospettico è l’East River che si snoda all’orizzonte con luminosi toni vio    letti e con sfumature ocra e rosa. Gli S 55X che vengono da lontano percorrendo l ‘argenteo fiume chiudono in virata su Manhattan”.

 

 

 

 

 

RICORRENZE STORICHE 2022-2023

Le ricorrenze storiche 2022 -2023 15° Stormo – AG 15
(decennali e quindicennali rilevanti)

2022

  • 2 maggio 2022 55 anni della Bandiera di Guerra del 15° Stormo: il  2 maggio 1967 sull’aeroporto di Ciampino il Sottosegretario alla Difesa On. Marino Guadalupi consegna la nuova Bandiera di guerra al 15° Stormo
  • 8 maggio – 1° settembre 2022 80 anni dalla costituzione del 15° Stormo da Combattimento, poi 15° Stormo d’Assalto: l’8 maggio 1942 per un breve periodo mentre si converte sui velivoli CR 42 AS diventa 15° Stormo da Combattimento; il 1° settembre 1942 lo Stormo cambia denominazione e diventa 15° Stormo d’Assalto, è schierato in Africa Settentrionale e partecipa, fra l’altro, alle battaglie di El Alamein
  • 12 giugno 2022 10 anni dalla scomparsa di Alessandro Musacchio: il 12 Giugno 2012 il nostro Alessandro Musacchio ci lasciò mentre, a Cervia, si esercitava in quella che per lui non era solo una professione, era la “missione” e la passione della sua vita, il salvataggio di vite umane in pericolo, lo salutiamo con il grido che abbiamo sempre condiviso  MAMMAJUT!
  • 10 settembre 2022 10 anni dal trasferimento dell’84° CSAR da Brindisi per  Gioia del Colle (BA)-10 settembre 2012
  • 2 ottobre 2022 25 anni dal trasferimento del 15° Stormo da Ciampino a Pratica di Mare: il 2 ottobre 1997 il Comando di Stormo con le sue unità è trasferito da Ciampino a Pratica di Mare
  • 20 ottobre 2022 45 anni dall’incidente di Creola di Saccolongo (PD); il 20 ottobre 1977 fra una Chiesa ed una Scuola Materna, nell’incidente di un AB 204 in missione addestrativa di soccorso scomparve l’intero equipaggio: Ten. Pil. Michele Grande, M.llo EMB Benito Stasi, Serg. EMB Francesco Santoruvo, Serg. Sommozzatore Salvatore Pinto, M.llo Infermiere Alfredo Miccoli; li salutiamo con il grido che affratella tutti coloro che vivono nel Soccorso Aereo  MAMMAJUT!
  • 4 novembre 2022 25 anni dalla ricostituzione della 9 Brigata Aerea: il 4 novembre 1997 rivive la 9ª Brigata Aerea “Leone”, ricostituita sull’aeroporto di Pratica di Mare con alle dipendenze due sue “vecchie conoscenze” del periodo bellico: il 14° ed il 15° Stormo; la Brigata è nuovamente chiusa il 28 marzo 2006

2023

  • 3 gennaio 2023 30 anni dall’Operazione “Albatross”: il 3 gennaio 1993 inizia per il 15° la partecipazione all’Operazione “Albatross” in Somalia, per sostenere la quale viene costituito a Mogadiscio il “Reparto Autonomo Volo – 15° Stormo”; la partecipazione si conclude il 5 luglio 1993
  • 1° febbraio 2023 90 anni dell’85° Gruppo: il 1 febbraio 1933 si costituisce l’85° Gruppo Ricognizione Marittima, rimarrà operativo per tutto il conflitto, sopravvivendo all’armistizio, riconfigurato come 85° Gruppo Idro nel Raggruppamento Idro della Regia Aeronautica cobelligerante; sciolto il 31 luglio 1948 il Raggruppamento Idro, l’85° Gruppo passa al neocostituito (1 agosto 1948) Comando Soccorso Aereo, per divenire infine uno dei due Gruppi, l’85° Gruppo elicotteri, sui quali fu ricostituito, il 1° ottobre 1965, il 15° Stormo SAR
  • 29 marzo 2023 20 anni dall’Operazione “Antica Babilonia”: il 29 marzo 2003: inizia per il 15° Stormo la partecipazione all’Operazione “Antica Babilonia” in Iraq; il 12 luglio viene costituito il 6° Reparto Operativo Autonomo (ROA) a Tallil che il 13 febbraio 2004 verrà riorganizzato in “6° ROA-15° Stormo di Tallil – Iraq” e successivamente, il 23 febbraio 2006 in “Reparto distaccato del 15° Stormo”; questa articolazione è organizzata su uno dei Gruppi originali del 15° Stormo, il 47°; la presenza del 15° in Iraq si protrae sino alla fine del 2006
  • 5 luglio 2023 5 anni dal ritorno del “Jolly” nella sede operativa degli Aerosoccorritori: il 5 luglio 2018 il Gen. Brig. Plinio Lancia ha donato al 15° Stormo il prezioso cimelio storico costituito dal portello di accesso del Cant Z 506 C caratterizzato dallo stemma del “Jolly”, stemma che dal momento della costituzione del Centro di Sopravvivenza ed Aerosoccorso (CSA) a Vigna di Valle, è divenuto l’emblema iconico degli Aerosoccorritori dell’A.M.; oggi è custodito nell’ufficio del Comandante di Stormo
  • 8 settembre 2023 80 anni dallo scioglimento del 15° Stormo d’Assalto: l’8 settembre 1943: dopo tre anni di guerra in Africa Settentrionale, prima come 15° Stormo Bombardamento sui bombardieri S 79, poi come 15° Stormo d’Assalto sui cacciabombardieri CR 42 AS/BA, il 15° Stormo d’Assalto, mentre partecipa alla difesa del territorio metropolitano – in Sicilia, Sardegna e centro Italia –  dall’invasione degli Alleati, si autoscioglie a Firenze in conseguenza dell’armistizio dell’8 settembre
  • 9 ottobre – 1 novembre 2023 10 anni di 80° Centro CSAR (è erede dell’80° Gruppo Idro costituito il 5 novembre 1925): il 9 ottobre 2013 lo SMA stabilisce il trasferimento della 670ª Squadriglia Collegamenti e Soccorso di base a Decimomannu nel neo costituito 86º Centro CSAR alle dipendenze del 15º Stormo; l’86° Centro CSAR dovrà però essere rinumerato perché è già esistente l’86° CAE del 41º Stormo. L’86° Centro CSAR è quindi ridenominato 80° Centro CSAR con effetto 1 novembre 2013;
  • 23 ottobre 2023 15 anni dall’incidente di Isle en Barrois (23/10/2008); in quel triste 23 Ottobre 2008 la grande famiglia del 15° Stormo ha perso otto dei suoi figli, gli “Angeli del SAR” sono volati più in alto nel cielo di Isle-en-Barrois. Ricordiamo Michele, Stefano, Marco, Giovanni, Carmine, Massimiliano, Teodoro, Giuseppe e li salutiamo con il grido che abbiamo sempre condiviso  MAMMAJUT!

13 novembre 2023          5 anni dalla scomparsa del Presidente Onorario  AG15° Gen. S.A. Oreste Genta M.A.V.M. (PO dal 21 aprile 2012, è scomparso il 13 novembre 2018 a 107 anni); durante il 2° conflitto mondiale il Gen. Genta aveva comandato le Sq. RML 141ᵃ, 196ᵃ, 142ᵃ, l’82° Gruppo RM prima dell’armistizio dell’8.9.1943 e di nuovo l’82° Gruppo Idro del Raggruppamento Idro nella Regia Aeronautica cobelligerante, dopo l’armistizio.

GdP