RIMPATRIATA 83 – 16 LUGLIO 2022

“Spirito di Corpo e sentimento di appartenenza”.

Sin dall’inizio della carriera aeronautica ognuno di noi si è sentito ripetere questi concetti. Li viviamo e sperimentiamo ogni giorno, spesso inconsapevolmente, perchè sono parte della nostra cultura lavorativa, del nostro modo di essere militari e, più in particolare, aviatori.
Ma ci sono momenti in cui questo sentimento di appartenenza si fa più vivo che mai. Da qui l’idea di realizzare un evento sociale scevro da qualsivoglia ricorrenza formale o anniversario ma animato dal solo, ed unico grande, scopo di trascorrere una giornata “tutti assieme”; un momento durante il quale potessero confrontarsi le generazioni dell’83° CSAR di ieri e di oggi.
Il 16 luglio 2022 è stata quindi organizzata la cd “RIMPATRIATA 83”.
All’evento, presieduto dal Com.te del 15° Stormo, Col. Giacomo ZANETTI, hanno preso parte un centinaio di partecipanti e hanno accettato l’invito anche il Presidente Gen. Carmine De Luca e il Consigliere Gen. Luigi Ricciardi, quali rappresentanti dell’ “Associazione Gente del Quindicesimo” che, da sempre vicina al personale dello Stormo, tiene vive le tradizioni e sostiene l’impegno profuso dai gruppi nel tentativo di consolidare sempre più lo spirito di corpo.
Il programma non poteva non prevedere, in primis, un omaggio ai nostri caduti. Un momento di raccoglimento per ricordare chi ancora oggi ci protegge da lassù ed è mancato servendo la bandiera del 15° Stormo e dell’83° Gruppo. Leggi tutto “RIMPATRIATA 83 – 16 LUGLIO 2022”

Soccorso un uomo di 73 anni colpito da malore a bordo di una nave.

Nella serata di ieri un elicottero HH-139B dell’80° Centro Combat Search and Rescue del 15° Stormo, di stanza a Decimomannu (CA), è decollato per soccorrere un uomo di 73 anni colpito da malore a bordo di una nave da crociera.

Dopo aver imbarcato la persona in difficoltà e il medico della nave, l’equipaggio ha fatto rotta per l’azienda ospedaliera Brotzu (CA).

Mammajut.


40 ANNI E NON SENTIRLI

È stato un successone. Grande il mio rammarico di non aver potuto partecipare il 6 luglio u.s. alle celebrazioni ed ai festeggiamenti svoltisi a Trapani presso l’82° Centro CSAR del 15° stormo in occasione dei 40° Anniversario della sua costituzione.

Ricordo di aver seguito molto da vicino la nascita di questo gruppo di volo, fin da quando accompagnavo in volo il Comandante del 15° Stormo – allora Col. Pil. Vittorio Zardo – presso il Comando Aeroporto di Trapani, ancor prima della costituzione dell’82° Centro SAR e dello stesso 37° Stormo, ricostituito nel 1984.

Allora vi  era  nulla o poco, anche se era già partito l’ambizioso progetto di una moderna base operativa dell’A.M.:   ancorchè ricostituito ordinativamente in data 1° marzo 1981 e presente sull’Aeroporto di Trapani Birgi con uno sparuto gruppetto di giovanissimi specialisti (alcuni ancora non qualificati sull’ala rotante), l’82° Centro SAR inizia la sua storia il 6 luglio del 1982, con l’assunzione del Comado da parte del T.Col. Patrizio Cigliola, il primo dei 24 Comandanti di Centro che si sono susseguiti in questi 40 anni di vita e di storia.

E nel discorso di apertura del 40° Anniversario il T.Col. Pil. Angelo Mosca, Comandante dell’82° Centro CSAR, ha tenuto ad  evidenziare l’importanza che certe ricorrenze assumono, soprattutto per ricordare ai giovani “da dove si è partiti” e “quello che si è fatto”  e per  esprimere la grande soddisfazione di essere appartenuti e di appartenere ad un glorioso gruppo di volo del 15° Stormo e del Soccorso Aereo.

E bene han fatto sia il Comandante del 15° Col. Pil.  Giacomo Zanetti che il Presidente della Associazione “Gente del 15°”  Gen. D.A. (r) Carmine De Luca – entrambi “ex canarini” ed ex Comandanti dell’82° Centro – a  ricordare la “crescita” operativa con il raggiungimento negli anni di obiettivi  sempre più complessi ed ambiziosi, grazie alla generosità, alla dedizione ed alla professionalità  di tutto il personale.

Di seguito l’articolo che il T.Col. Mosca ci ha voluto inviare:

“L’hovering è caratteristica peculiare degli elicotteri, capacità che permette loro di fermarsi nello spazio per il tempo necessario alle operazioni ma nulla può contro l’incedere del Tempo; pertanto, come ogni ricorrenza, anche i compleanni arrivano…e vanno festeggiati.

E’ ritenuta l’età della maturità, momento in cui il bagaglio di esperienze vissute diventa solida base per continuare ad affrontare le nuove sfide che si presentano e anche momento per capire chi si è grazie a tutto quanto si è, fino a quel momento, fatto.


“40 anni e non sentirli” è lo scaramantico auspicio di chi sa di aver percorso un po’ di strada ma è cosciente che la china è in continua salita e solo con spirito di sacrificio, volontà e dedizione può continuare ad accrescere il tesoro, fatto di valori, ideali, capacità e professionalità, accumulato grazie al lavoro, alla lungimiranza, all’audacia e alla perseveranza di uomini coraggiosi, animati dall’indomabile fuoco della passione per il proprio lavoro e della volontà di essere speranza per gli altri.



Con tale consapevolezza, lo scorso 6 luglio, l’82° Centro C.S.A.R. ha festeggiato il 40° Anniversario della sua costituzione sulla base aerea di Trapani Birgi. Il raduno organizzato per l’occasione è stato un momento di incontro tra il personale in servizio e i tanti ex che si sono ritrovati sotto l’araldica del Centro, ripercorrendo la storia del Reparto e ricordando le tante storie che dal 1982 hanno visto protagonisti equipaggi, tecnici e personale tutto impegnato sia sul territorio nazionale che in svariati teatri operativi internazionali.

L’evento si è svolto alla presenza di autorità civili, tra cui il Prefetto di Trapani, religiose e militari. La giornata si è articolata seguendo un ricco programma di eventi che hanno avuto inizio con

la scopertura del monumento a ricordo dell’HH3F PELICAN, storico elicottero che è stato in servizio presso l’82° dalla sua costituzione fino al 2013, anno della sua dismissione.

L’Associazione Gente del Quindicesimo ha seguito sin dal principio il progetto del monumento e ne ha finanziato la realizzazione, a testimonianza dell’importante lavoro volto a tenere vive le tradizioni e i valori del 15° Stormo.

L’AG15 è stata rappresentata dal Presidente, Gen. D.A. Carmine De Luca, già Comandante 82° Centro e 15° Stormo, e dal consigliere, Gen. B.A. Luigi Ricciardi, anch’egli già Comandante 82° Centro, che hanno ricordato le centinaia di occasioni in cui con il mitico “padre di famiglia” si è corsi in soccorso di chi in difficoltà e, nel mezzo, le tante storie goliardiche e di ardimento degli equipaggi che si sono avvicendati durante il periodo di impiego operativo di una delle macchine più iconiche del mondo aeronautico.

Nella volontà di rinsaldare i valori del “soccorso aereo” l’AG15 ha da qualche tempo scelto di creare sezioni locali presso ogni centro del 15° Stormo e la festa del 40° Anniversario è stata l’occasione per far dono del gonfalone alla Sezione AG15 di Trapani, ritirato dai PM Adriano Centonze e Antonio Origlio.

La cerimonia ha visto la partecipazione di tutti i Centri e Gruppi del 15° Stormo e il Col. Zanetti, Comandante del 15° Stormo, in passato pilota e poi Comandante dell’82° Centro, ha espresso il suo vivo apprezzamento e plauso a tutto il personale che si è avvicendato nel corso degli anni, affrontando con dedizione e professionalità obiettivi operativi sempre più complessi e diversificati, come lo SMI (Slow Mover Interceptor) e l’attività di lotta agli Incendi Boschivi per la Regione Siciliana, rivolgendo infine un sentito augurio di Buon Compleanno a tutto il personale del Centro.

La presenza di tanti ex è stata occasione di ritrovo tra coloro che hanno vissuto altre epoche del Reparto e anche di incontro tra generazioni, come ad esempio tra l’attuale Comandante e il Col. Bindoni, uno dei primi e più carismatici condottieri dell’ “82° Avamposto Borbonico”.

L’atmosfera familiare ha coinvolto tutti gli amici e gli ospiti convenuti, anche alcune persone a cui gli equipaggi del Centro hanno prestato soccorso hanno partecipato alla festa testimoniando quanto davvero il Reparto fa a tutela della vita umana. La manifestazione è proseguita con una mostra statica di mezzi e materiali che hanno ripercorso i 40 anni del S.A.R., diversi intermezzi musicali e il ricordo di alcuni episodi che hanno segnato la vita dell’82°.

Momento centrale dell’evento e che ha suscitato grandi emozioni, è stata la dimostrazione in volo eseguita con l’elicottero HH139B “Special Color 40° Anniversario” che ha prima mostrato le capacità operative dell’aeromobile, fra cui una simulazione di un recupero tramite verricello e ha poi salutato gli astanti con il tradizionale “inchino”. Alla fine del volo l’elicottero è stato parcheggiato in mostra statica, a beneficio degli ospiti, sul piazzale S.A.R.

Nonostante la pandemia abbia condizionato i rapporti umani e sociali negli ultimi 2 anni, lo spirito di corpo e l’attaccamento degli uomini dell’82° sembra non esserne stato scalfito, trovando, invece, nuova linfa vitale in questa reunion.

I primi 40 anni sono stati emozionanti e pieni di soddisfazioni, caro 82: May the next 40th be with you! “

T.Col. Angelo MOSCA

Jedi 32 – Master

 

Non resta che concludere con le testimonianze che il Presidente dell’AG 15 ed il Comandante di Stormo hanno trascritto nell’Albo d’Onore

 

I festeggiamenti sono andati avanti fino a tarda notte: tanta gioia, tanti ricordi ma anche tante future speranze.

Mammajut

 

 

STORIE ANTICHE RICORDIAMO…

…DEL 15° STORMO CHE NESSUNO CONOSCE.
di Giacomo De Ponti

L’Associazione “Gente del 15°” presenta il libro

Vi si raccontano antiche storie delle radici del 15° Stormo, Reparto che oggi è da tutti conosciuto ed apprezzato per il suo quotidiano, diuturno, impegno nel salvataggio della vita umana, storie che appartengono ad un passato mai rievocato e sicuramente sconosciuto ai più, un passato, tuttavia, ancora drammaticamente vivo perchè immerso nel sacrificio di innumerevoli uomini che servirono in armi durante il secondo conflitto mondiale, ed in condizioni di inferiorità materiale di fronte ad avversari più muniti di armi, ma non certo di coraggio e volontà. Erano gli uomini del 15° Stormo Bombardamento, poi da Combattimento ed infine d’Assalto, dei Gruppi e Squadriglie della Ricognizione Marittima, delle Squadriglie e Sezioni Soccorso, progenitori e profonde radici del 15° Stormo odierno, che riemergono dalle nebbie della storia e riacquistano finalmente la voce per narrarci dei loro eroismi, sofferenze, ansie e delle loro vittorie.

Un libro di 250 pagine della storia e delle storie, racconti di vita e guerra “reali” narrati dai protagonisti o ricostruiti con lunghe, pazienti ricerche, arricchiti da moltissime fotografie, inedite e sconosciute, tutte di velivoli di quei reparti, con i “numeri di carrozzella” di quelle Squadriglie che operarono, combattendo e salvando uomini in Italia, sul Mediterraneo ed in Africa Settentrionale. L’Aeronautica Militare ha concesso all’Associazione l’uso sul libro del logo creato per celebrare i 100 anni della sua costituzione, riconoscimento ambito che testimonia il contributo che l’opera porta alla valorizzazione della storia e delle memorie aeronautiche del Paese.

Il libro, edito dall’Associazione, è reso disponibile ai Soci ed al personale del 15° Stormo al costo di 15 Euro per i Soci Effettivi (in regola con il versamento delle quote sociali compresa quella relativa all’anno 2022) e 20 Euro per i non Soci, cui si dovranno aggiungere le spese di spedizione in caso di impossibilità al ritiro presso le sedi delle Sezioni dell’Associazione (85° Centro – Pratica di Mare; 83° Gruppo – Cervia; 82° Centro – Trapani) o presso le sedi dell’84° Centro – Gioia del Colle e dell’80° Centro – Decimomannu. Si stima che i volumi saranno disponibili nel periodo dicembre 2022-gennaio 2023; l’Associazione ne darà conferma attraverso i propri canali di informazione: il sito web www.gd15.it, le mail list della Associazione, il canale WA in broadcast, le Sezioni ed attraverso i sistemi di comunicazione interni del 15° Stormo.

Una visione d’insieme del libro è riassunta nel pdf allegato “Storie Antiche Ricordiamo”

Le prenotazioni potranno essere fatte al seguente indirizzo di posta elettronica: segreteria@gentedelquindicesimo.it indicando nominativo, numero di copie e modalità di consegna (spedizione postale – fornire indirizzo – o ritiro presso una delle sedi indicate).

Mammajut

Cerimonia per il 10° anniversario dalla scomparsa dell’aerosoccorritore Alessandro Musacchio

di Matteo Colonna

Era il 12 giugno 2012, quando il Primo Maresciallo Alessandro Musacchio, aerosoccorritore in servizio presso l’81° Centro Addestramento Equipaggi del 15° Stormo di Cervia, perse tragicamente la vita, durante un’attività addestrativa all’interno del sedime aeroportuale. Leggi tutto “Cerimonia per il 10° anniversario dalla scomparsa dell’aerosoccorritore Alessandro Musacchio”

Un HH-139 dell’85° Centro CSAR di Pratica di Mare trasporta in Sardegna una squadra del Soccorso Alpino e Speleologico

di Marco Mascari

Ci sono storie di gente del Soccorso che a volte si incrociano. Missioni che arrivano improvvise e ti strappano dal relax di una domenica spensierata portandoti ad una notte di trasporti d’urgenza per salvare quella vita in più.

La squadra trasportata ieri nell’entroterra sarda è impegnata da questa notte nel tentare di aprire una strada per raggiungere e salvare lo speleologo rimasto vittima di un incidente ed attualmente incastrato nella grotta S’Edera nel territorio di Urzulei.

 

Per ora le condizioni sono stabili.

L’aspetto magico del nostro lavoro è che nel cuore ti rimane la speranza di aver contribuito a salvare una vita… e nella mente grazie all’ausilio dei visori notturni rimane invece il fascino di quei paesaggi Sardi illuminati ieri da una Luna particolarmente intensa…

Il nostro lavoro è un po’ così… dramma ed emozioni positive che si accostano quasi in contrasto. Ma se non amassimo il nostro lavoro, non affronteremmo certo alcune situazioni.

Mammajut

Trovato l’elicottero disperso: Sette morti.

L’Aeronautica Militare ha partecipato alle operazioni di ricerca del velivolo scomparso giovedì 9 giugno, che trasportava sei manager stranieri (quattro turchi e due libanesi) più il pilota.

I resti dell’elicottero Agusta Koala sono stati avvistati questa mattina (11 giugno) dall’equipaggio del 15° Stormo di Cervia, in un canalone dove scorre il torrente Lama, vicino il Monte Cusna (RE) sull’Appennino Tosco-Emiliano a 1.922 metri d’altitudine.
I resti sono stati avvistati nel greto del fiume Lama e la zona è stata messa sotto sequestro, nessuno è sopravvissuto all’impatto.

Nella immagine di copertina il Comandante dell’83° Gruppo, Magg. Daniele Gamba, presente sul teatro delle operazioni.

 

VIDEO

Intervista TG3 – minuto 03’38”
(si aprirà una nuova finestra)

 


Dal sito ufficiale dell’A.M.
Facebook.com – 12 giugno 2022

Questo video è stato introdotto con il commento del Maresciallo Simone, fino ad oggi più noto per la creazione del logo: “Cento anni dell’Aeronautica Militare – Verso il futuro”.